HAI DOMANDE SUL FOTOVOLTAICO?

Qui troverai le informazioni e le FAQ che potrebbero rispondere alle tue esigenze

COME FUNZIONA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO?

Un impianto fotovoltaico è un sistema che converte l’energia solare in energia elettrica. È composto da pannelli solari, un inverter e un contatore bidirezionale.

I pannelli solari sono realizzati in silicio e catturano i fotoni della luce solare. I fotoni sono particelle di luce che hanno energia. Quando i fotoni colpiscono il silicio, eccitano gli elettroni del silicio. Gli elettroni eccitati si muovono attraverso il silicio e creano un flusso di corrente elettrica.

L’inverter converte la corrente continua generata dai pannelli solari in corrente alternata. La corrente alternata è il tipo di corrente elettrica che viene utilizzata nelle nostre case.

Il contatore bidirezionale misura la quantità di energia elettrica che viene prodotta dall’impianto fotovoltaico e la quantità di energia elettrica che viene consumata dalla casa. Se l’impianto fotovoltaico produce più energia elettrica di quanta ne consuma la casa, l’energia in eccesso viene immessa nella rete elettrica. Se l’impianto fotovoltaico non produce abbastanza energia elettrica per soddisfare i consumi della casa, la casa preleva energia dalla rete elettrica.

Gli impianti fotovoltaici sono un’ottima soluzione per ridurre la bolletta elettrica e per contribuire alla tutela dell’ambiente. Gli impianti fotovoltaici non producono emissioni di gas serra e sono una fonte di energia rinnovabile.

QUALI SONO LE DIVERSE TIPOLIGIE DI PANNELLI FOTOVOLTAICI?

Esistono diversi tipi di pannelli fotovoltaici, ognuno con le proprie caratteristiche e prestazioni. I tipi più comuni di pannelli fotovoltaici sono:

Pannelli monocristallini: i pannelli monocristallini sono realizzati con un unico cristallo di silicio, che viene tagliato in wafer sottili. I pannelli monocristallini hanno un’efficienza maggiore rispetto agli altri tipi di pannelli fotovoltaici, ma sono anche più costosi.
Pannelli policristallini: i pannelli policristallini sono realizzati con un insieme di cristalli di silicio, che vengono fusi insieme. I pannelli policristallini hanno un’efficienza inferiore rispetto ai pannelli monocristallini, ma sono anche più economici.
Pannelli a film sottile: i pannelli a film sottile sono realizzati con un sottile strato di silicio, che viene depositato su un substrato di vetro o di metallo. I pannelli a film sottile sono i pannelli fotovoltaici più economici, ma hanno anche un’efficienza inferiore rispetto agli altri tipi di pannelli fotovoltaici.
La scelta del tipo di pannello fotovoltaico da installare dipende da diversi fattori, tra cui:

L’efficienza del pannello: l’efficienza del pannello fotovoltaico determina la quantità di energia elettrica che il pannello è in grado di produrre.
Il costo del pannello: il costo del pannello fotovoltaico è un fattore importante da considerare, soprattutto se si installa un impianto fotovoltaico di grandi dimensioni.
La località: la località in cui si installa l’impianto fotovoltaico può influenzare l’efficienza dei pannelli fotovoltaici.
È importante scegliere i pannelli fotovoltaici giusti per le proprie esigenze e per la propria località.

PERCHE' SCEGLIERE UN SISTEMA FOTOVOLTAICO CON ACCUMULO?

Ci sono molti motivi per cui dovresti scegliere un sistema fotovoltaico con accumulo. Ecco alcuni dei più importanti:

Riduci la bolletta elettrica: un sistema fotovoltaico con accumulo ti permette di immagazzinare l’energia elettrica che produci durante il giorno e di utilizzarla durante la notte o quando c’è poca luce solare. Questo ti permette di ridurre la tua dipendenza dalla rete elettrica e di risparmiare denaro sulla bolletta elettrica.
Aumenta la tua indipendenza energetica: un sistema fotovoltaico con accumulo, se abbinato ad un backup, ti permette di essere più indipendente dall’energia elettrica della rete. Questo può essere utile in caso di blackout o di altre interruzioni dell’energia elettrica.
Contribuisci alla tutela dell’ambiente: gli impianti fotovoltaici non producono emissioni di gas serra e sono una fonte di energia rinnovabile. Scegliendo un sistema fotovoltaico con accumulo, puoi contribuire a ridurre il tuo impatto ambientale.
Aumenti il valore della tua casa: un sistema fotovoltaico con accumulo può aumentare il valore della tua casa. Questo perché gli acquirenti sono sempre più interessati a case che sono autosufficienti dal punto di vista energetico.

COS' E' UN INVERTER FOTOVOLTAICO?

Un inverter fotovoltaico è un dispositivo che converte la corrente continua (DC) generata dai pannelli solari in corrente alternata (AC). La corrente alternata è il tipo di corrente elettrica che viene utilizzata nelle nostre case e nelle aziende.

L’inverter fotovoltaico è un componente essenziale di un impianto fotovoltaico. Senza l’inverter, l’energia elettrica generata dai pannelli solari non potrebbe essere utilizzata in ambito domestico e industriale.

Gli inverter fotovoltaici sono disponibili in una varietà di modelli e dimensioni. Il modello e la dimensione dell’inverter fotovoltaico da installare dipendono da diversi fattori, tra cui:

 

La potenza dell’impianto fotovoltaico
Il tipo di pannelli solari utilizzati
La località in cui si installa l’impianto fotovoltaico


Gli inverter fotovoltaici sono generalmente affidabili e durano per molti anni. Tuttavia, è importante scegliere un inverter fotovoltaico di qualità e installarlo correttamente.

A COSA SERVONO GLI OTTIMIZZATORI?

Gli ottimizzatori per pannelli fotovoltaici sono dispositivi elettronici che vengono installati tra i pannelli solari e l’inverter. Il loro compito è quello di ottimizzare la produzione di energia del pannello, anche in presenza di ombra o altri fattori che potrebbero ridurre la sua efficienza.

Gli ottimizzatori per pannelli fotovoltaici funzionano monitorando costantemente il livello di tensione e corrente in ogni cella del pannello. In caso di ombreggiamento, l’ottimizzatore aumenterà la tensione in modo da compensare la perdita di corrente. Questo permette al pannello di continuare a produrre energia anche in presenza di ombra.

Gli ottimizzatori per pannelli fotovoltaici possono aumentare la produzione di energia del sistema fino al 30%. Sono una soluzione ideale per gli impianti fotovoltaici installati in zone con alberi o altri ostacoli che possono causare ombreggiamenti.

 

Ecco alcuni dei vantaggi degli ottimizzatori per pannelli fotovoltaici:

 

Aumentano la produzione di energia del sistema
Migliorano l’affidabilità del sistema
Riducono la manutenzione del sistema
Offrono una maggiore flessibilità di progettazione

CHE DIFFERENZA PASSA TRA IL "RITIRO DEDICATO" E LO "SCAMBIO SUL POSTO"?

Lo scambio sul posto e il ritiro dedicato sono due meccanismi che permettono agli utenti di impianti fotovoltaici di beneficiare dell’energia autoprodotta. La principale differenza tra i due meccanismi è che lo scambio sul posto è un meccanismo di compensazione tra immissioni e prelievi, mentre il ritiro dedicato è un meccanismo di vendita dell’energia.

 

Scambio sul posto:

Con lo scambio sul posto, l’utente riceve una compensazione economica per l’energia autoprodotta che viene immessa in rete e successivamente prelevata. La compensazione è calcolata sulla base della differenza tra il valore dell’energia immessa in rete e il valore dell’energia prelevata dalla rete.

Lo scambio sul posto è un meccanismo conveniente per gli utenti che hanno un consumo di energia simile alla produzione di energia dell’impianto fotovoltaico. In questo caso, l’utente è in grado di compensare gran parte dei consumi, riducendo la bolletta elettrica.

 

Ritiro dedicato:

Con il ritiro dedicato, l’utente vende l’energia autoprodotta al Gestore dei Servizi Energetici (GSE). Il GSE paga l’energia al prezzo di mercato, che è generalmente superiore al prezzo dell’energia immessa in rete con lo scambio sul posto.

Il ritiro dedicato è un meccanismo conveniente per gli utenti che hanno un consumo di energia inferiore alla produzione di energia dell’impianto fotovoltaico. In questo caso, l’utente può ottenere un profitto dalla vendita dell’energia autoprodotta.

COSA DEVO FARE PRIMA DI INSTALLARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO?

Prima di installare un impianto fotovoltaico, è importante fare alcune ricerche e prendere in considerazione alcuni fattori importanti. Ecco alcuni suggerimenti:

Fai una stima del tuo consumo energetico: questo ti aiuterà a determinare la dimensione dell’impianto fotovoltaico di cui hai bisogno.
Informati sugli incentivi fiscali disponibili: ci sono diversi incentivi fiscali disponibili per l’installazione di impianti fotovoltaici.
Fai un sopralluogo: questo ti permetterà di vedere la posizione del tuo tetto e di discutere con l’installatore la fattibilità dell’installazione.
Ottieni un preventivo: questo ti aiuterà a pianificare il tuo budget.
Firma il contratto: questo è l’ultimo passo prima dell’installazione dell’impianto fotovoltaico.
È importante ricordare che l’installazione di un impianto fotovoltaico è un investimento a lungo termine. Tuttavia, è un investimento che può ripagarsi in pochi anni e che può portare a risparmi significativi sulla bolletta elettrica.

COME VALUTARE L'IDONEITÀ DEL TUO TETTO PER INSTALLARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO?

– COME VALUTARE L’IDONEITÀ DEL TUO TETTO PER INSTALLARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO?


Prima di procedere con l’installazione di un impianto fotovoltaico, è importante valutare l’idoneità del tetto per ospitare un impianto fotovoltaico. Per farlo, è possibile seguire questi semplici passaggi:

Controllare l’orientamento del tetto. L’orientamento ideale per un impianto fotovoltaico è a sud, in modo da massimizzare l’irraggiamento solare. Un orientamento a sud-est o sud-ovest è comunque accettabile.

Verificare la pendenza del tetto. La pendenza ideale per un impianto fotovoltaico è di 30-40 gradi. Una pendenza inferiore può ridurre le prestazioni dell’impianto, mentre una pendenza superiore può rendere necessaria l’installazione di supporti speciali per i pannelli.

Valutare la presenza di ombreggiature. Ombreggiature da alberi, edifici o altri ostacoli possono ridurre la produzione di energia dell’impianto fotovoltaico.

Verificare lo stato del tetto. Il tetto deve essere in buone condizioni e in grado di sostenere il peso dei pannelli fotovoltaici e del sistema di montaggio.


Ecco alcuni consigli aggiuntivi per valutare l’idoneità del tuo tetto:

Effettua un sopralluogo del tetto con un installatore qualificato. L’installatore sarà in grado di valutare l’orientamento, la pendenza e la presenza di ombreggiature del tuo tetto.

Considera le dimensioni del tuo tetto. La superficie del tuo tetto deve essere sufficiente per ospitare l’impianto fotovoltaico di potenza necessaria per soddisfare i tuoi consumi energetici.

Informati sulle normative locali. In alcuni casi, potrebbero essere necessari permessi specifici per l’installazione di un impianto fotovoltaico.

COME POSSO USUFRUIRE DELLE DETRAZIONI FISCALI?

Ci sono diversi modi per usufruire delle detrazioni fiscali sul fotovoltaico. Ecco alcuni esempi:

Detrazione fiscale del 50% con Bonus Casa: è un’agevolazione fiscale che consente di detrarre dall’imposta lorda il 50% della spesa sostenuta per l’installazione di un impianto fotovoltaico. La detrazione può essere usufruita per un periodo di 10 anni per un importo massimo di 96.000€.

Finanziamenti agevolati: è possibile usufruire di finanziamenti agevolati per l’installazione di un impianto fotovoltaico. I finanziamenti agevolati sono offerti da banche e società finanziarie e possono essere a tasso zero o a tasso agevolato.

POSSO INSTALLARE UN SISTEMA FOTOVOLTAICO SUL TETTO DI UN CONDOMINIO?

Sì, è possibile installare un sistema fotovoltaico sul tetto di un condominio. Tuttavia, è necessario informare gli altri condomini.

L’assemblea condominiale può negare l’autorizzazione all’installazione di un sistema fotovoltaico solo se l’impianto non è conforme al regolamento condominiale o se l’impianto può causare danni al tetto o occupare la superficie comune della copertura, impedendo l’installazione di altri impianti.

Se i progetti rispettano i regolamenti e non precludono l’uso del tetto ad altri condomini, è necessario stipulare un contratto con un installatore qualificato. Il contratto deve prevedere le caratteristiche dell’impianto fotovoltaico, i costi di installazione e manutenzione, le modalità di gestione dell’impianto e le responsabilità dell’installatore e del condominio.

 

Ecco alcuni vantaggi dell’installazione di un sistema fotovoltaico su un condominio:

 

Riduzione delle bollette elettriche
Contributo alla tutela dell’ambiente
Aumento del valore dell’immobile

POSSO INSTALLARE UN IMPIANTO SU UN EDIFICIO SOTTO VINCOLO PAESAGGISTICO?

Sì, è possibile installare un impianto fotovoltaico su un edificio sotto vincolo paesaggistico. Tuttavia, è necessario ottenere l’autorizzazione della Soprintendenza competente.

La Soprintendenza può negare l’autorizzazione all’installazione di un impianto fotovoltaico se l’impianto non è conforme alle norme di tutela del paesaggio o se l’impianto può causare un danno ad un edificio di interesse storico.

Se la Soprintendenza autorizza l’installazione di un impianto fotovoltaico, è necessario stipulare un contratto con un installatore qualificato. Il contratto deve prevedere le caratteristiche dell’impianto fotovoltaico, i costi di installazione e manutenzione, le modalità di gestione dell’impianto e le responsabilità dell’installatore e della Soprintendenza.

 

Ecco alcuni vantaggi dell’installazione di un sistema fotovoltaico su un edificio sotto vincolo paesaggistico:

 

Riduzione delle bollette elettriche
Contributo alla tutela dell’ambiente
Aumento del valore dell’immobile


Se stai pensando di installare un sistema fotovoltaico su un edificio sotto vincolo paesaggistico, è importante contattare un tecnico qualificato per ottenere maggiori informazioni e per valutare la fattibilità dell’intervento.

 

Ecco alcune informazioni aggiuntive sulle autorizzazioni per l’installazione di impianti fotovoltaici:

 

Come stabilito dall’ART 9, comma 1 del D.L. 17/2022, l’installazione di impianti fotovoltaici su edifici e nelle loro pertinenze sono considerati interventi di manutenzione ordinaria e quindi non subordinati all’acquisizione di nessun permesso.
Solo in caso di immobili di interesse storico e paesaggistico potrebbe non essere possibile installare i pannelli, oppure dover richiedere un’autorizzazione al Comune o alla Soprintendenza dei Beni Culturali.

MANUTENZIONE E PULIZIA DEI PANNELLI FOTOVOLTAICI. COME COMPORTARSI?

I pannelli fotovoltaici devono essere puliti regolarmente per garantire la loro massima efficienza. La pulizia deve essere eseguita da un professionista.

I prodotti per la pulizia dei pannelli fotovoltaici devono essere delicati e non devono contenere solventi o altri prodotti chimici aggressivi. Le attrezzature per la pulizia dei pannelli fotovoltaici devono essere morbide e non devono graffiare la superficie dei pannelli.

 

Per una corretta manutenzione dei pannelli fotovoltaici è necessario:

 

Pulire i pannelli ogni 2 anni.
Pulire i pannelli più spesso se si trovano in un ambiente polveroso o sporco.
Evitare di pulire i pannelli quando sono in funzione.
Non utilizzare prodotti chimici aggressivi per la pulizia dei pannelli.
Non graffiare la superficie dei pannelli con utensili o oggetti duri.
La manutenzione dei pannelli fotovoltaici è importante per garantire la loro massima efficienza e per prolungarne la durata.

C’È DIFFERENZA TRA IMPIANTO FOTOVOLTAICO E IMPIANTO SOLARE TERMICO?

Sì, c’è una differenza fondamentale tra impianto fotovoltaico e impianto solare termico.

L’impianto fotovoltaico converte la luce del sole in energia elettrica, che può essere utilizzata per alimentare la casa o l’azienda. I pannelli fotovoltaici sono realizzati in silicio, un materiale che, quando viene colpito dalla luce solare, genera una corrente elettrica.

L’impianto solare termico, invece, sfrutta l’energia solare per riscaldare l’acqua, che può essere utilizzata per uso sanitario o per il riscaldamento. I pannelli solari termici sono realizzati in materiali che assorbono il calore del sole e lo trasferiscono all’acqua.

In sintesi, la differenza principale tra i due impianti è che l’impianto fotovoltaico produce energia elettrica, mentre l’impianto solare termico produce acqua calda.

Quale impianto è più adatto a me?

La scelta tra impianto fotovoltaico e impianto solare termico dipende da una serie di fattori, tra cui:

Le tue esigenze energetiche: se hai bisogno di molta energia elettrica, l’impianto fotovoltaico è la soluzione migliore. Se hai bisogno di acqua calda, l’impianto solare termico è la soluzione migliore.
La tua posizione geografica: la quantità di luce solare che riceve la tua zona influisce sull’efficienza degli impianti.

COSA È IL GSE?

Il GSE, acronimo di Gestore dei Servizi Energetici, è una società per azioni italiana nata nel 1999, interamente partecipata dal Ministero dell’economia e delle finanze.

Il GSE ha il compito di promuovere lo sviluppo e la produzione di energia da fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica.

Principali attività del GSE:

Promozione delle fonti rinnovabili: il GSE eroga incentivi agli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, come fotovoltaico, eolico, idroelettrico, geotermico e biomasse.
Promozione dell’efficienza energetica: il GSE eroga incentivi a interventi di efficienza energetica, come la sostituzione di caldaie e condizionatori, la coibentazione degli edifici e l’installazione di impianti di domotica.
Servizio di Certificazione della Provenienza da Fonti Rinnovabili (garanzia di origine): il GSE certifica la provenienza da fonti rinnovabili dell’energia elettrica prodotta e immessa in rete.
Stoccaggio virtuale del gas: il GSE gestisce il servizio di stoccaggio virtuale del gas, che consente di accumulare gas naturale durante i periodi di abbondanza e di rilasciarlo nei periodi di scarsità.

Per saperne di più, visita il sito web del GSE: https://www.gse.it/

COS’È IL kWp (KILOWATT DI PICCO)?

Il kWp, o kilowatt di picco, è un’unità di misura che indica la potenza massima di un impianto fotovoltaico. Viene misurata in condizioni standard, ovvero con una temperatura di 25°C e una radiazione solare incidente di 1000 W/m².

In pratica, il kWp indica la quantità massima di energia elettrica che un impianto fotovoltaico può produrre in un secondo nelle condizioni standard.

Ad esempio, un impianto fotovoltaico da 3 kWp può produrre un massimo di 3 kilowatt di energia elettrica in un secondo.

La potenza di un impianto fotovoltaico dipende da una serie di fattori, tra cui:

  • La superficie dei pannelli fotovoltaici: più pannelli ci sono, maggiore è la potenza dell’impianto.
  • Il tipo di pannelli fotovoltaici: i pannelli fotovoltaici più efficienti producono più energia.
  • La posizione geografica: la quantità di luce solare che riceve una zona influisce sulla produzione di energia di un impianto fotovoltaico.

I kWp sono un parametro importante da considerare quando si sceglie un impianto fotovoltaico. Più kWp ha l’impianto, più energia elettrica può produrre.

Tuttavia, è importante ricordare che la produzione di energia di un impianto fotovoltaico non è costante durante l’arco della giornata. La produzione è massima nelle ore centrali della giornata, quando la radiazione solare è più intensa. Nelle ore notturne, la produzione di energia è zero.

Per questo motivo, è importante valutare anche altri fattori, come il fabbisogno energetico dell’abitazione o dell’azienda, quando si sceglie un impianto fotovoltaico.

CHE DIFFERENZA C'È TRA kW E kWp NEL FOTOVOLTAICO?

 

Quando parliamo di impianti fotovoltaici, ci imbattiamo spesso nei termini kW e kWp. Ma cosa significano e qual è la differenza?

kW (kilowatt) è un’unità di misura che indica la potenza di un apparecchio elettrico o di un sistema energetico in un dato istante. Nel contesto fotovoltaico, si riferisce alla potenza che i pannelli solari possono produrre in condizioni reali.

kWp (kilowatt di picco), invece, rappresenta la potenza massima teorica che un pannello solare può generare in condizioni ottimali, cioè con un’irradiazione solare perfetta di 1000 W/m² e temperatura di 25°C123.

In pratica, il kWp è come il limite di velocità su una strada: mostra quanto velocemente potresti andare in condizioni ideali. Il kW, d’altra parte, è la velocità effettiva che stai mantenendo, influenzata dal traffico, dalle condizioni meteorologiche e da altri fattori reali.

Sapere la differenza tra questi due valori è fondamentale per capire l’efficienza e la produzione effettiva del tuo impianto fotovoltaico. Ricorda, un alto valore di kWp non garantisce sempre alti rendimenti in kW se le condizioni non sono ideali!

COS'E' IL kWh (KILOWATTORA)?


– CHE COS’E’ IL kWh (KILOWATTORA)?

kWh è l’abbreviazione di kilowattora, un’unità di misura dell’energia elettrica. Un kilowattora equivale alla quantità di energia consumata da un apparecchio che assorbe una potenza di 1 kilowatt per un’ora.

In pratica, un kWh è la quantità di energia necessaria per alimentare un apparecchio da 1 kW per 1 ora. Ad esempio, un forno da 1 kW consuma 1 kWh di energia in un’ora di funzionamento.

I kWh sono utilizzati dalle aziende elettriche per calcolare le bollette dei consumatori. La bolletta elettrica è composta da una parte fissa, che copre i costi di gestione della rete elettrica, e da una parte variabile, che è proporzionale ai kWh consumati.

CHE COS'E' UN METER?

Un meter è un contatore di energia elettrica, che misura la quantità di energia prodotta da un impianto fotovoltaico. Il contatore di energia elettrica è installato all’uscita dell’impianto fotovoltaico e registra la quantità di energia elettrica immessa nella rete elettrica.

 

Il contatore di energia elettrica è un dispositivo importante per misurare la produzione di energia  da un impianto fotovoltaico. Consente all’utente finale di tenere traccia della produzione di energia elettrica del proprio impianto e di verificare che la produzione sia conforme ai termini del contratto di scambio sul posto o dell’autoconsumo.

 

I contatori di energia elettrica per impianti fotovoltaici sono disponibili in una varietà di tipi, tra cui contatori meccanici, contatori elettronici e contatori intelligenti. I contatori meccanici sono i più comuni e utilizzano un disco rotante per misurare la potenza elettrica. I contatori elettronici sono più precisi dei contatori meccanici e utilizzano un circuito elettronico per misurare la potenza elettrica. I contatori intelligenti sono i più recenti e utilizzano la tecnologia wireless per comunicare con il fornitore di energia elettrica.

COME FUNZIONA IL REVAMPING NEL FOTOVOLTAICO?

Nel fotovoltaico, il revamping è un intervento di manutenzione o ristrutturazione che viene effettuato su un impianto fotovoltaico esistente al fine di migliorarne le prestazioni o la durata.

I tipi di revamping più comuni includono:

Sostituzione dei pannelli fotovoltaici: i pannelli fotovoltaici hanno una durata di vita media di 25-30 anni, ma possono iniziare a perdere efficienza dopo circa 10 anni.

Sostituzione dell’inverter: l’inverter è il dispositivo che converte l’energia elettrica prodotta dai pannelli fotovoltaici in corrente alternata, che è la forma di corrente utilizzata dalla rete elettrica.

Installazione di un sistema di monitoraggio remoto: un sistema di monitoraggio remoto consente di monitorare l’impianto fotovoltaico da remoto, in modo da rilevare eventuali problemi o anomalie.


Il revamping di un impianto fotovoltaico è un’opzione da considerare per gli impianti fotovoltaici esistenti che hanno più di 10 anni di età. Il revamping può consentire di migliorare le prestazioni e la durata dell’impianto, aumentandone il valore e i benefici per l’utente finale.

COS'E' IL BACKUP PER IL FOTOVOLTAICO?

Il backup nel fotovoltaico è la possibilità di avere energia elettrica anche in caso di blackout o di interruzione della rete elettrica.

Un impianto fotovoltaico tradizionale non è in grado di fornire energia elettrica in caso di blackout, poiché dipende dalla rete elettrica per la connessione alla rete.

Per avere un backup nel fotovoltaico, è necessario installare un sistema di accumulo, che consente di immagazzinare l’energia prodotta dal fotovoltaico durante il giorno e di utilizzarla in caso di bisogno.

Il sistema di accumulo può essere costituito da batterie, che accumulano l’energia in forma chimica, o da supercondensatori, che accumulano l’energia in forma elettrica.

In caso di blackout, l’impianto fotovoltaico con sistema di accumulo continua a funzionare, fornendo energia elettrica alla casa o all’azienda.

Esistono due tipi principali di backup nel fotovoltaico:

Backup automatico: l’impianto fotovoltaico passa automaticamente alla modalità di backup in caso di blackout.
Backup manuale: l’utente deve passare manualmente l’impianto fotovoltaico alla modalità di backup in caso di blackout.
Il backup automatico è la soluzione più semplice e comoda, ma può essere più costosa. Il backup manuale è una soluzione meno costosa, ma richiede l’intervento dell’utente in caso di blackout.

COSA SI INTENDE PER EFFETTO FOTOVOLTAICO?

Il sole è una fonte di energia enorme, in grado di irradiare sulla Terra circa 76.000 miliardi di megawattora (MWh) ogni anno. Questa quantità è molto più grande dell’attuale richiesta energetica mondiale, che è di circa 36 miliardi di MWh.

L’effetto fotovoltaico è un fenomeno fisico che permette di convertire la luce solare in energia elettrica. Questo fenomeno si basa sulle proprietà di alcuni materiali semiconduttori, che sono in grado di generare istantaneamente una corrente elettrica quando colpiti dalla radiazione solare.

Il dispositivo elementare alla base della tecnologia fotovoltaica è la cella solare. Una cella solare è costituita da un materiale semiconduttore, come il silicio, che è stato opportunamente trattato. Quando la luce solare colpisce la cella solare, i fotoni della luce vengono assorbiti dal materiale semiconduttore. Questo provoca il movimento degli elettroni dalla banda di valenza alla banda di conduzione. La corrente generata dalla cella solare viene quindi raccolta e utilizzata per alimentare dispositivi elettrici.


Un impianto fotovoltaico è costituito da un insieme di celle solari. Le celle solari sono collegate tra loro in serie per formare un modulo fotovoltaico. I moduli fotovoltaici sono poi collegati tra loro in parallelo per formare un impianto fotovoltaico.

Quando la luce solare colpisce le celle fotovoltaiche di un impianto fotovoltaico, la corrente generata viene inviata a un inverter. L’inverter converte la corrente continua generata dalle celle solari in corrente alternata, che può essere utilizzata per alimentare dispositivi elettrici.

COSA È IL FOTOVOLTAICO PLUG AND PLAY?

Il fotovoltaico plug and play è un tipo di fotovoltaico che può essere installato in modo semplice e senza la necessità di richiedere permessi o autorizzazioni. Questo tipo di impianto è composto da pannelli solari di piccole dimensioni, che vengono collegati direttamente alla rete elettrica domestica tramite una presa.

Non essendo un vero e proprio impianto, la potenza di un plug and play è nettamente inferiore rispetto a quella di un impianto tradizionale, oltre ad avere una limitatissima produzione di energia. Un impianto plug and play , in media, produce circa 450 kWh di energia all’anno, a differenza di un impianto tradizionale, esempio, da 3 kW che produce mediamente 3.500 kWh l’anno.


In Italia, è possibile installare fino a 1 kW di fotovoltaico senza richiedere alcun permesso. Se si desidera installare di più è necessario richiedere permessi e autorizzazioni.

IMPIANTO FOTOVOLTAICO ONGRID VS OFFGRID : QUAL È LA DIFFERENZA?

Esistono due principali tipologie di impianti fotovoltaici: ongrid e offgrid.

La differenza principale tra i due sistemi è la presenza o meno di un collegamento alla rete elettrica nazionale.

IMPIANTO FOTOVOLTAICO ONGRID

Un impianto fotovoltaico ongrid è un sistema che è collegato alla rete elettrica nazionale. L’energia prodotta dai pannelli solari viene utilizzata per alimentare gli apparecchi elettrici dell’abitazione o dell’azienda e l’eventuale eccesso viene immessa in rete.

Gli impianti fotovoltaici ongrid sono la soluzione più diffusa, in quanto sono più economici e facili da installare.

VANTAGGI:

Costi iniziali più bassi
Facilità di installazione
Possibilità di vendere l’energia in eccesso alla rete

SVANTAGGI:

Dipendenza dalla rete elettrica nazionale
Necessità di un inverter bidirezionale

IMPIANTO FOTOVOLTAICO OFFGRID

Un impianto fotovoltaico offgrid è un sistema completamente autonomo, che non è collegato alla rete elettrica nazionale. L’energia prodotta dai pannelli solari viene direttamente utilizzata per alimentare gli apparecchi elettrici dell’abitazione o dell’azienda.

In caso di produzione di energia in eccesso, questa viene immagazzinata in batterie per essere utilizzata in un secondo momento.

Gli impianti fotovoltaici offgrid sono una soluzione ideale per le abitazioni o le aziende che si trovano in zone remote, dove non è possibile accedere alla rete elettrica nazionale.

VANTAGGI:

Indipendenza dalla rete elettrica nazionale
Maggiore autonomia
Minori costi di manutenzione

SVANTAGGI:

Costi iniziali più elevati
Necessità di batterie per l’accumulo dell’energia

COME FUNZIONA IL MONITORAGGIO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO?
  1. Che cos’è il monitoraggio di un impianto fotovoltaico?

    Il monitoraggio di un impianto fotovoltaico è un sistema avanzato che utilizza sensori e software per raccogliere, analizzare e ottimizzare le prestazioni del vostro impianto fotovoltaico. Monitora costantemente variabili come l’irraggiamento solare, la temperatura dei pannelli e la produzione di energia per garantire massima efficienza e massimizzare l’autoconsumo.

    2. Qual è l’obiettivo del monitoraggio di un impianto fotovoltaico?

    L’obiettivo principale è il controllo della produzione di energia solare. Monitorando costantemente le condizioni ambientali e le prestazioni dei pannelli tramite un’ App, che permette di visionare in tempo reale l’energia prodotta, quella immessa in rete e quella prelevata. Inoltre se abbinato agli ottimizzatori permette di controllare la produzione e il funzionamento di ogni singolo pannello e segnalare se uno dei moduli avesse un calo di produzione o un guasto tecnico.

    3. Come funziona il monitoraggio della temperatura dei pannelli?

    Il monitoraggio della temperatura dei pannelli avviene con l’uso di sensori presenti sui pannelli stessi. Questi sensori rilevano la temperatura dei pannelli solari e assicurano che rimangano entro limiti ottimali comunicando i dati in tempo reale con il dispositivo collegato all’inverter. Questo aiuta a prevenire surriscaldamenti che potrebbero compromettere l’efficienza e la durata dei pannelli.

    4. Quali sono i benefici del monitoraggio avanzato?

    Il monitoraggio avanzato offre numerosi vantaggi, tra cui:

    Rilevamento delle Anomalie: Identifica tempestivamente guasti o malfunzionamenti dei singoli pannelli, consentendo interventi di manutenzione tempestivi.

    Ottimizzazione in Tempo Reale: Adatta le impostazioni in base alle condizioni atmosferiche in tempo reale, garantendo una produzione ottimale in ogni momento.

    5. Cosa succede se si verifica un guasto nell’impianto?

    Il sistema di monitoraggio è progettato per rilevare eventuali guasti o anomalie. In caso di problemi, il sistema invia una notifica nella App di controllo, per intervenire tempestivamente e risolvere il problema, minimizzando il tempo di inattività.

    6. Il monitoraggio è compatibile con tutti gli impianti fotovoltaici?

    Molti sistemi di monitoraggio sono progettati per essere compatibili con una vasta gamma di impianti fotovoltaici, indipendentemente dalla loro dimensione o configurazione. Prima dell’installazione, è consigliabile verificare la compatibilità del sistema di monitoraggio con il proprio impianto.

    Queste risposte alle domande frequenti forniscono un’introduzione approfondita al monitoraggio di un impianto fotovoltaico e ai suoi benefici. In caso di ulteriori domande o dettagli specifici, non esitate a contattarci.
QUALE E' LA DIFFERENZA TRA GAUDI, TERNA E GSE?

1.Gaudi (Gestore Autorizzazioni Unico Impianti):
– Gaudi è un sistema online gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) che consente di presentare le domande di autorizzazione per la realizzazione e l’esercizio di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, tra cui quelli fotovoltaici.
– Attraverso Gaudi, gli operatori del settore possono avviare il processo di autorizzazione per la realizzazione di impianti e monitorarne lo stato.

 

2. Terna:
– Terna è la società responsabile della gestione della rete di trasmissione elettrica in Italia. Essa svolge un ruolo chiave nella distribuzione dell’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici e da altre fonti rinnovabili.
– Terna gestisce il sistema elettrico nazionale, garantendo l’equilibrio tra produzione e consumo di energia elettrica. Nel contesto del fotovoltaico, Terna è coinvolta nella gestione delle connessioni degli impianti alla rete elettrica.

 

3. GSE (Gestore dei Servizi Energetici):
– Il GSE è un ente pubblico economico che opera sotto la supervisione del Ministero dello Sviluppo Economico. Tra i suoi compiti, il GSE gestisce incentivi e contributi per la produzione di energia da fonti rinnovabili, inclusi gli impianti fotovoltaici.
– Il GSE gestisce il Conto Energia, un sistema di incentivazione per la produzione di energia da fonti rinnovabili, tra cui il fotovoltaico. Attraverso questo meccanismo, gli operatori possono beneficiare di incentivi economici per l’energia prodotta.

In sintesi, Gaudi si occupa dell’autorizzazione per la realizzazione degli impianti, Terna gestisce la rete di trasmissione elettrica, e il GSE gestisce gli incentivi economici per la produzione di energia da fonti rinnovabili, inclusi gli impianti fotovoltaici.

QUALI SONO LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLE CELLE SOLARI CON TECNOLOGIA TOPcon?

Le celle solari con tecnologia TOPcon presentano una serie di vantaggi distintivi che le rendono una scelta eccezionale per l’energia solare. Queste caratteristiche includono:

 

  1. Alta efficienza di conversione e grande affidabilità: Le celle TOPCON sfruttano al massimo l’energia solare, offrendo prestazioni affidabili nel tempo.

  2. Basso disadattamento delle prestazioni durante l’incapsulamento: Garantiscono una costante efficienza anche dopo il processo di incapsulamento.

  3. Eccellenti prestazioni energetiche anche in condizioni di luce scarsa: Continuano a produrre energia in modo efficiente anche in condizioni di luce non ottimali.

  4. Zero degradazione dovuta alla luce: Mantengono le loro prestazioni nel tempo senza subire danni dalla luce solare.

  5. Limite superiore dell’efficienza teorica compreso tra il 28.2 e il 28.7%: Questa efficienza è significativamente superiore rispetto ad altre tecnologie come le celle PERC.

  6. Processo di produzione adattabile: Le celle TOPCON possono essere facilmente integrate nelle linee di produzione esistenti, garantendo un risparmio sui costi di produzione senza compromettere la qualità.

 

Le celle solari TOPcon rappresentano una scelta vincente per chi cerca prestazioni ed efficienza superiori nel settore dell’energia solare, con la flessibilità di adattarsi facilmente alle linee di produzione esistenti.

COS'E' UNA WALLBOX?

Le wallbox per la ricarica delle auto elettriche e ibride plug-in sono dispositivi essenziali per semplificare la ricarica domestica. Ecco cosa dovresti sapere:

 

1. Cos’è una Wallbox?
– Una Wallbox è un dispositivo progettato per ricaricare le auto elettriche e ibride direttamente a casa propria. Rispetto alle colonnine di ricarica pubbliche, è molto meno ingombrante e offre un accesso facilitato alla rete elettrica da un’area privata (come il garage o un posto auto all’aperto) dove parcheggi l’auto quando non la usi.
– Normative e Sicurezza: Esiste una normativa specifica (CEI EN 61851-1) che regola le procedure di installazione e gli standard di sicurezza da rispettare.

2. Come Funziona?
– Collegamento: L’auto viene collegata alla Wallbox tramite un cavo specifico.
– Ricarica Sicura e Veloce: La Wallbox calibra la potenza dell’impianto elettrico domestico alla potenza del veicolo, consentendo una ricarica più sicura, veloce ed efficiente.
– Contributo all’Ambiente: Utilizzando la Wallbox, contribuisci alla riduzione degli sprechi di energia e delle emissioni indirette legate all’uso delle auto elettriche.

3. Quando Convengono?
– Chi Possiede un Veicolo Elettrico: Se possiedi un’auto elettrica, la Wallbox è la scelta ideale per la ricarica domestica.
– Verifica della Potenza: Prima di acquistare una Wallbox, verifica la potenza di ricarica supportata dalla tua auto.

4. Costi e Benefici:
– Investimento Necessario: I costi variano, ma considera la Wallbox come un investimento per semplificare la tua esperienza di ricarica.
– Vantaggi: Sicurezza, velocità e comodità sono i principali vantaggi offerti dalla Wallbox.

In sintesi, la Wallbox è uno strumento essenziale per chi vuole passare alla mobilità a zero emissioni in modo agevole e pratico.

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

RICHIEDI UN PREVENTIVO

GRATUITO

Inviaci i tuoi riferimenti e verrai contattato al più presto dal nostro Servizio Clienti.